Recensione: Majin Boo – S.H. Figuarts di Tamashii Nations

Un rispetto delle dimensioni, una discreta mobilità della figure anche se dotata di pochi accessori a volte possono bastare per caratterizzare un personaggio fondamentale?

0
248
File:Dragon Ball Z logo.png

Dragonball Z non ha bisogno di presentazioni ma se proprio dobbiamo rinfrescarvi la memoria è un anime prodotto dalla Toei Animation è tratto dal manga Dragon Ball di Akira Toriyama, di cui riprende i volumi dal 17 al 42. Costituisce il sequel della serie televisiva Dragon Ball. È stato trasmesso in Giappone dal 26 aprile 1989 al 31 gennaio 1996, per un totale di 291 episodi.

Questa recensione parla di Majin Boo nella sua prima forma apparsa nell’ultima saga di Dragonball Z.

Majin Boo

Confezione e Blister

La confezione, per l’occasione davvero enorme (tra le più grandi della linea), presenta la solita grafica in stile manga con parte del prodotto a vista su fondale a tinta rosa. Sul fronte vediamo il primo piano di Majin Boo che sbeffeggia l’avversario e parte del blister che lascia intravedere la figure e i vari accessori. Sul retro vediamo alcune pose possibili da realizzare.
Al suo interno il blister si presenta con pochi accessori e il mantello è scomposto in tre elementi da agganciare alla figure (niente di complicato). Oltre alla figure principale, troviamo due teste intercambiabili, 2 paia di mani alternative, una barretta di cioccolata. Nonostante la confezione sia di dimensioni generose al suo interno non sono presenti effetti o supporti per essi.

Struttura e Paint

La figure di Majin Boo è dotata di un corpo inedito mai utilizzato prima, tuttavia gli snodi e i punti di articolazione adottati sono gli stessi che caratterizzano la linea Dragonball. Il mantello come già detto è composto da tre elementi che si attaccano alla schiena. Le parti dorate del vestito di Boo sono fedelmente riprodotte cosi’ come le proporzioni del corpo. Questa figure è davvero imponente e nelle sue fattezze rispecchia l’aspetto innocente e minaccioso di questo strambo personaggio. Il colore adottato per il corpo è un rosa (simil big babol) di tipo opaco sul quale non sono presenti alcun tipo di sfumature, i pantaloni invece sono dotati di leggere sfumature per evidenziarne le pieghe. Sebbene possa sembrare instabile per via delle esili gambe posso assicurarvi che la figure è abbastanza leggera e gode di buona stabilità. 

Posabilià

La posabilià non è il punto forse di questa figure anche se devo dire che non si sarebbe potuto fare diversamente con un personaggio del genere, le braccia godono di tutti i punti di articolazione delle altre figures, la testa e il busto si muovono anche se non come gli altri e per quanto possa sembrare goffo, anche (con un sistema geniale che maschera il piegamento del tessuto), ginocchia e caviglie hanno una buona posabilità. Praticamente è una figure vittima della sua fisicità pertanto non riteniamo di penalizzarla più di tanto.

Conclusioni

Majin Boo è una figure gigantesca, con la quale ricreerete sicuramente qualche scenario di lotta con Vegeta o Goku. Un rispetto delle dimensioni, una discreta mobilità della figure anche se dotata di pochi accessori (ma giusti nelle parti intercambiabili) a volte possono bastare per caratterizzare un personaggio fondamentale della saga finale di Dragonball Z che non puo’ decisamente mancare nelle vostre collezioni. 

Voto Finale: 8.5/10

Majin Boo è disponibile ad un prezzo indicativo di 79,90 €

Tamashii Nation è distribuita in Italia da Cosmic Group.

Risultati immagini per cosmic group

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here