Recensione: L’angelo del male- Brightburn ( senza spoiler )

0
143

Anche se si tratta di un film horror, Brightburn: L’angelo del male è una storia ispirata senza ombra di dubbio a un comics in particolare, ma completamente riscritta dalla parte del lato oscuro del protagonista.

Il protagonista di questo film è un ragazzino di nome Brandon, all’apparenza un normale bambino di 12 anni, che va a scuola e come tutti i suoi coetanei comincia ad avere i primi problemi dell’età addolescenziale, ed è qui che dei strani poteri cominciano a manifestarsi.

Menzione d’onore al piccolo attore protagonista Jackson A. Dunne, che riesce benissimo a calarsi nella parte e saper inquietare lo spettatore senza aver bisogno di effetti speciali o trasformazioni di nessun genere.

Senza dimenticare Elizabeth Banks ( Tori Breyer la mamma di Brandon ), che riesce sicuramente a dare credibilità al suo personaggio nei momenti più emotivi del film anche quando certi comportamenti assurdi del figlio sono senza logica.

Anche se la storia è abbastanza lineare e senza grandi sorprese o colpi di scena spettacolari, riesce comunque a tenere lo spettatore incollato allo schermo facendolo più volte sbalzare dalla sedia.

Dite la verità, vi siete mai chiesti se il giovane Clark kent invece di diventare il protettore dell’umanità fosse diventato un temibile cattivo alla conquista del mondo? La risposta la troverete in questo film, dove il regista
David Yarovesky, e il produttore James Gunn ( si avete letto bene, il regista de: I Guardiani Della Galassia ) hanno perfettamente centrato il punto.

In conclusione L’angelo del male- Brightburn, lascia una porta aperta per un possibile sequel che a questo punto speriamo possa sorprenderci ancora di più, visto l’arrivo di altri personaggi con superpoteri al servizo delle forze del male.

L’angelo del male- Brightburn è disponibile nei cinema italiani da giovedì 23 maggio 2019.

VOTO: 8 / 10

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here